Posts contrassegnato dai tag ‘educatore’

A proposito di dolore, vita e morte. A proposito di limiti, rischi e responsabilità. A proposito di rapporto tra la vita di un educatore e la vita degli altri.

Ovvero: I dialoghi tra Mister Red e Mister Blu. 

Tunisia 2000Lo sai, nel tuo lavoro può succedere. L’hai detto non più di due settimane fa in equipe che il nostro lavoro riguarda la vita e la morte. Sembrava melodramma, occhi perplessi o increduli, ma volevi dire che il lavoro che si fa è importante, è serio, bisogna farlo con cura, anche quando ridi insieme ai ragazzi o giochi a pallone. Lo sai, ma non ti va sempre giù: titoli dei giornali, solo se quel giorno qualcosa va storto. Ma dei giorni prima a corrergli dietro te ne ricordi ormai a migliaia, e te ne ricordi solo tu; in piscina anche se non ti va, a farti mordere, a ridere a piangere, con le vittorie, le sconfitte. Talvolta pensi a quello in tv con la battuta sempre pronta, a quello che è bravo con una palla o è sempre al posto giusto che guadagna in un giorno, un anno del tuo lavoro. Ma te lo sei scelto. Se non sei vecchio, magari hai pure studiato per quello. Se non sei stato fortunato magari hai visto tuo padre piegarsi negli anni, a  fare l’operaio, mai a cercare un riconoscimento. La paga a fine mese e basta così. E ti sei chiesto perché l’etica del lavoro è più praticata, dai 1500€ in giù.  Ma oramai sei stato educato così, che ci vuoi fare. E ci credi, che ogni vita è degna di essere vissuta se insieme rendiamo la vita degna, anche quando è  al limite, anche quando non parla, o dice cose strane, non muove muscolo. E credi che nel tuo lavoro ci sia una responsabilità nel renderla degna, insieme alla fatica di tante mamme e papà che non  vogliono, non possono arrendersi.

Poi. Poi un giorno succede. Terribile. Non doveva succedere, non poteva. Lo sapevi che nel tuo lavoro, ma non è come potevi immaginarlo. Accogli un papà in ospedale e mandi giù il pianto, perché non lo aiuti. No, forse perché ti vergogni di confrontare la sofferenza. Ma anche tu sei padre  e per un po’ il ruolo si appanna.

Ritorni a casa. Tuo figlio compie 10 anni. È un passaggio importante. L’ aspetta da settimane, questa serata speciale. Se la merita e anche noi abbiamo faticato per arrivarci. E così ridi insieme a lui e mentre lo fai un’ombra, un pensiero corre a quel letto di ospedale, a quel papà e senti il pudore di un’ingiustizia. Ma poi pensi e ti dici che abbiamo un dovere alla felicità, quando non è a spese degli altri. La sofferenza ci scorre attorno e qualche volta ci travolge. E i sensi di colpa sono solo acqua torbida che aggiunge dolore a quell’oceano di sofferenza. Ma pensa cosa sarebbe quell’oceano se non avesse una terra che lo contenga, o almeno un’isola che salvi dai flutti chi ne è investito. E allora abbiamo il dovere anche nei confronti degli altri di portare quella terra che è fatta anche coi granelli dei nostri momenti felici, di essere quell’argine che è fatto anche dalla responsabilità di fare bene il nostro lavoro, di essere quell’isola a cui possono aggrapparsi i naufraghi che un domani avranno anche i volti nostri, o dei nostri figli.

E allora domani, sveglia alle 6,30, treno e ancora al centro. Perché sì, ora sì che l’hai veramente capito: nessuno si salva da solo.

Mister Red

————————————————————————————————————————————-

Lo sai mister Red, che il tuo scritto rimbomba dentro di me come i bassi di una canzone drum’n’bass.

Milano_FuoriSalone 2015Rimbombano le parole dette e ascoltate in anni di lavoro educativo, le riflessioni sul rischio e sul limite. Sulla condivisione ed esplicitazione del pericolo. Rimbomba lo stretto collegamento tra l’educazione e la vita e in questa cosa tra educazione e morte, che parte della vita è. Rimbomba il dolore e il senso di impotenza di alcuni storie. Rimbomba l’eco del dolore di tutti i “miei ” ragazzi venuti per salutare, anni fa, un loro amico che non aveva avuto la forza o la fortuna di trovare qualche cosa per cui valesse la pena vivere. Riempiono i miei occhi le centinai di persone venute a salutare Luigi, anziano partigiano novantenne che non sembrava essere mai pronto per salutare. Ritornano tutte le immagini dei rischi che mi son preso in anni di lavoro da educatore e che mi prendo ancora oggi da padre. Quei rischi che si corrono quando si decide che è arrivato il momento di lasciare andare senza rotelle, di staccare la mano che tiene la bicicletta. Il rischio di perdere il controllo e di non poter più proteggere. Ritorna in mente la volta “del bagno al mare con la bandiera rossa” con Miss Purple. Ritornano le immagini di tutti gli errori fatti nella mia carriera professionale e degli errori che faccio, settimanalmente, da padre. Alcuni per dolo, alcuni per incompetenza, altri per stanchezza, altri semplicemente perché a volte capita. Quasi tutti errori che oggi posso raccontare sorridendo. Ma tu lo sai bene, mister Red, non tutti gli errori si possono trattare nello stesso modo, spesso alcuni errori son “più errori” di altri. La possibilità di riderci su, pultroppo dipende anche dall’esito.

Lo sai bene, mio caro Mister Red quanto questo tuo scritto risuonerà in mister Black, che con la morte ci ha fatto in conti mentre lavorava, come di rado capita ad un educatore, per fortuna. Chissà quanto altri educatori ed educatrici si ritroveranno nelle tue parole e nelle tue emozioni Mister Red, quanti di loro hanno fatto i conti con il senso del limite, del rischio, del pericolo, per sè e per le persone che avevano in carico. Quanti di loro si sono accorti della delicatezza e dell’importanza del nostro lavoro.

Lo sai quante volte mi son chiesto se valesse la pena prendersi un rischio e quante volte ho deciso di provarci, perché l’educazione è anche coraggio, perché senza il coraggio si rimane dove si è, fermi ad aspettare che le cose cambino da sole. Ma tu lo sai bene, le cose non cambiano da sole, spesso per cambiarle ci serve una spinta, una frase, un consiglio, un appoggio. Spesso ci serve qualcuno che ci accompagni lungo la strada e a volte dobbiamo esser lì anche il giorno dopo, alle 6.30, quando la sveglia suona.

Lo sai mister Red, il tuo scritto è pieno di te. Di ciò che sei come educatore, come padre, come uomo.

Lo sai bene Mr. Red, quanto spesso il nostro lavoro ha inciso sulla nostra vita e quanto i nostri figli ci hanno aiutato a resistere alla strana e pericolosa “usanza” di pensare troppo al lavoro. Viva i figli allora, caro mister Red, soprattutto quelli che pretendono, giustamente, di poter festeggiare il loro compleanno con i loro papà.  Quelli che ci permettono di poter portare quel granello di sabbia di felicità anche il giorno il passaggio dello Tzunami.

Mister Blu

Chissà cose ne pensano Mister Orange, Miss Yellow. Li attendiamo.

Le foto sono di Marco Bottani

Annunci
in due

Negli ultimi tempi, lavorando all’interno della scuola, mi capita di incontrare molti insegnanti. L’incontro tra un educatore e un docente non è sempre semplice, ma quando si riesce e si trova insieme il modo di lavorare nella stessa direzione, di stabilire il raggio d’azione di entrambi, i risultati del lavoro si vedono. L’incrociare dei due sguardi produce un nuovo modo di guardare i ragazzi, di ascoltarli e di accompagnarli. Poi, alcune volte, ci sono incontri professionali ancora più profondi, forti e intensi. Incontri dove si abbandonano le resistenze ad imparare e ci si lascia contagiare, sorprendere e addirittura consigliare. Quando succede questo, l’idea dell’educatore diventa spunto per l’insegnante e viceversa. Ho come l’impressione, che quando questo accade, i ragazzi possano stare meglio.

La lettera che troverete qui di seguito è uno degli esempi di questi incontri. Un esempio inoltre di come si può dare un valore pedagogico anche ad un saluto. Un esempio di come si può lasciar traccia del proprio passaggio anche a distanza, anche quando le cose non sono andate come immaginavamo.

Un esempio di come si possono guardare i ragazzi, uno ad uno, con attenzione.

Ringrazio V. insegnante precaria, una delle tante docenti che ogni anno si trovano costrette a interrompere il loro lavoro dopo qualche mese di lezione. E’ lei la docente competente, appassionata e innamorata del suo lavoro che mi ha permesso di pubblicare la lettera che ha mandato ai suoi ragazzi. Sarebbe stato un peccato che rimanesse solo per i suoi studenti.

Sono felice di averla incontrata e di aver potuto lavorare con lei.

Ecco la sua lettera.

Novembre 2014

Carissimi ragazzi,

vi avevo promesso che avrei fatto il possibile per non andarmene senza passare a salutarvi, ma così non è stato … Questa mancanza, anche se non è dipesa da me, mi pesava tantissimo ed ecco allora l’idea della lettera (grazie Christian!).

In questo momento ci sono milioni di cose che vorrei dirvi, perché non ce n’è stato il tempo. Vi ho conosciuti poco a poco e, volontariamente o involontariamente, mi avete rivelato piccole parti di voi che porterò sempre con me.

Siete in un’età bellissima, ma che è, forse, la più difficile della vita. Non lasciatela andare, non aspettate che passi, in attesa di qualcos’altro. Cominciate ogni giorno pensando a quante cose vi porterà: qualcosa di bello o di brutto, di noioso o divertente, qualcosa che sarà solo per voi e che vi servirà a diventare le persone che vorrete essere. Ognuno di voi è, a suo modo, straordinario: non dimenticatelo mai, perché voi, magari senza accorgervene, lo avete insegnato a me.

Anna, grazie per la tua dolcezza e i tuoi abbracci, che mi facevano cominciare la giornata in modalità “mi piace”.
Sabrina, ricordati che non c’è niente di meglio di 10 minuti passati con gli amici per iniziare l’ora successiva con la testa libera e il cuore caldo.
Asia, hai un mondo bellissimo dentro: non aver paura a tirarlo fuori e a condividerlo con gli altri.
Andrea, prendi la tua ansia, chiudila nello zaino e concentrati su quello che puoi fare, perché ne hai le capacità.
Alessandra, continua a lavorare e migliorare: lo so, è dura, è stancante, ma alla fine vedere cosa sarai riuscita a fare ti darà una grande felicità.
Guido, avrei voluto conoscerti meglio, perché mi piaceva quello che vedevo: non mollare mai.
Chiara, non è vero che non serve a niente, non funziona, non si migliora, ma sei tu la prima che ci deve credere.
Greta, grazie per avermi illuminato la giornata con una verifica su Dante pressoché perfetta: non sai quanto è stato importante!
Matteo, non c’è niente che faccia bene al cuore come dare e ricevere affetto dagli amici: non dimenticarlo mai.
Samir, lavorare con te è stato bello: non arrenderti anche quando ti sembrerà tutto in salita, perché se vuoi, puoi.
Maria, grazie per la tua educazione e rispetto: stai facendo un bel percorso, ti voglio vedere arrivare in cima di corsa.
Roberto, il tuo carattere esuberante e divertente ci ha permesso di non annoiarci durante le lezioni: grazie per i tuoi sorrisi e per i tuoi preziosi interventi in analisi grammaticale, che mi ricordavano puntualmente che in effetti sì, insegnare a volte serve.
Elisa, continua a fare da mediatore e tieni tutti tranquilli: hai un compito di grande responsabilità.
Loris, lascia perdere quello che dicono gli altri e concentrati su te stesso e sul tuo lavoro, vedrai che diventerà tutto più facile: puoi farlo!
Davide, fidati: il blu con il nero sta molto meglio del rosso! PS: continua a lavorare.
Marco, vai avanti con la tua serietà e la tua voglia di fare bene e che la tua casa sia sempre aperta per tanti amici: hai una grande fortuna, non dimenticare di apprezzarla.
Michele, sei una bella persona: coltiva le tue qualità.

Vi stringo tutti in un abbraccio fortissimo…starete con me per sempre.
Vi voglio bene.

V.

 

La foto è di Marco Bottani ( http://www.ibot.it)

Babbo-Natale-ubriaco

Ecco una foto di Babbo Natale la mattina del 26 dello scorso anno. Sfinito e distrutto per la fatica che aveva appena compiuto la notte tra il 24 e il 25 dicembre.

La scena, con grande probabilità, si ripeterà anche quest’anno. Da educatore non riesco a rimanere insensibile a certe immagini.

Il prossimo anno proviamo ad aiutarlo. Non chiediamogli nulla, altrimenti alla lunga rischia di essere un costo per qualche comunità terapeutica.

Buone feste a tutti. Christian S.